Le monete coloniali in America prima dell’indipendenza degli USA: la cartamoneta era il segreto della loro ricchezza

di Davide Gionco

 

Il viaggio di Benjamin Franklin a Londra nel 1764

Nel 1751, re Giorgio II d’Inghilterra emanò un divieto di emissione di ogni forma di moneta cartacea nelle colonie della Nuova Inghilterra (i futuri Stati Uniti d’America), costringendo i coloni a prendere in prestito denaro presso i banchieri britannici. Questo divieto fu confermato da re Giorgio III, che succedette a suo padre nel 1752.

Nel 1764 il Parlamento britannico approvò il Currency Act, confermando il divieto del re e provocando il forte disappunto dei coloni americani.

Nello stesso anno 1764, Benjamin Franklin si recò a Londra per presentare al Parlamento una petizione per la revoca del divieto.
Quando arrivò, fu sorpreso di trovare in Inghilterra una dilagante disoccupazione ed una diffusa povertà tra le classi lavoratrici britanniche.
Le strade sono coperte di mendicanti e vagabondi“, osservò.
Chiese ai parlamentari inglesi il perché. Gli fu risposto che il paese aveva troppi lavoratori. I ricchi erano già sovraccarichi di tasse e non potevano pagare di più per alleviare la povertà delle classi lavoratrici.
I parlamentari a loro volta chiesero a Franklin come le colonie americane riuscissero a guadagnare abbastanza soldi per mantenere le loro povere case.
Benjamin Franklin risposte: “Non abbiamo case povere nelle Colonie; e se ne avessimo qualcuna, non ci sarebbe nessuno da farvi abitare, poiché nelle Colonie non c’è un solo disoccupato, né mendicanti né barboni.
Gli ascoltatori inglesi avevano difficoltà a credergli, poiché quando le loro povere case e prigioni erano diventate troppo disordinate, gli inglesi avevano effettivamente spedito i loro poveri nelle Colonie in America.
I direttori della Banca d’Inghilterra chiesero quale fosse la ragione della forte espansione economica delle giovani colonie.
Franklin rispose: “E’ semplice. Nelle colonie emettiamo la nostra moneta. Si chiama “Colonial Scrip”.  La utilizziamo per pagare le spese e le iniziative benefiche approvate dal governo. Ci assicuriamo che venga rilasciato in proporzioni adeguate, in modo da far passare facilmente le merci dai produttori ai consumatori.
In questo modo, creando per conto nostro la nostra moneta cartacea, controlliamo il suo potere d’acquisto e non abbiamo interessi da pagare a nessuno.
Vedete: un governo legittimo può sia spendere che prestare denaro facendolo entrare in circolazione, mentre le banche possono solo prestare una certa quantità delle loro banconote, poiché non possono né regalare né spendere una piccola parte di quel denaro per le persone che ne hanno bisogno.
Quindi, quando i vostri banchieri qui in Inghilterra mettono in circolazione denaro, c’è sempre un capitale di debito da restituire e l’usura da pagare. Il risultato è che hai sempre troppo poco credito in circolazione per dare ai lavoratori una piena occupazione.
Non ci sono “troppi lavoratori”, ma avete troppo poco denaro in circolazione, ed il denaro che circola porta con sé il fardello infinito del debito non rimborsabile e dell’usura.

[Tratto dal libro “Web of debt” di Hellen Brown]


Le Colonie inglesi, come noto, diventarono indipendenti dall’Inghilterra dopo la Rivoluzione che ebbe inizio nel 1775 (11 anni dopo la visita di Franklin a Londra) e terminò nel 1783, dando origine agli Stati Uniti d’America.

Il divieto del re Giorgio III e del Parlamento inglese di emettere moneta cartacea coloniale fu probabilmente la ragione scatenante della rivoluzione contro la “Madre Patria”.

Per comprendere meglio il sistema monetario delle colonie americane nel XVIII secolo, guardiamo la storia dall’inizio.

 


Racconto tratto e tradotto dal sito Thismatter.com

Il denaro nell’America Coloniale

Non c’erano banche nell’America coloniale.
Solo dopo l’indipendenza degli Stati Uniti si diffusero le banche, a partire dalla Bank of North America nel 1781, istituita dallo stato della Pennsylvania.
La preoccupazione principale dei primi coloni americani, all’inizio, era quella di trovare i mezzi di pagamento per le transazioni economiche: mancava il denaro.

All’inizio, i coloni americani usavano gli stessi tipi di denaro degli indiani d’America: il wampum, che consisteva in conchiglie decorative unite insieme e pellicce. Si usava anche il baratto, in particolare oggetti specifici che avevano un valore intrinseco ben noto e dove la quantità poteva essere facilmente variata, come colture e chiodi, o oggetti portati quando immigravano dall’Europa e da altri paesi.

Più tardi, le monete d’argento e d’oro, altrimenti conosciute come “specie” (monete realizzate in metallo prezioso), diventarono la principale forma di moneta usata nell’America coloniale. Poiché l’argento e l’oro esistono in quantità limitata e poiché nuovi giacimenti minerari di questi metalli non sono facilmente reperibili, né l’estrazione è facile, i metalli preziosi hanno la caratteristica di non poter essere contraffatti, per cui la loro quantità non può essere aumentata facilmente. Quindi conservano il loro valore di deposito. Tuttavia, le esigenze di moneta dell’economia coloniale, legate all’aumento degli scambi, superarono rapidamente la disponibilità di metalli preziosi per coniare monete.

A differenza dell’America spagnola, nelle 13 colonie originarie degli USA c’erano poco oro e argento. Il poco denaro utilizzato nell’America coloniale proveniva dalla Gran Bretagna e dal commercio con le colonie spagnole nei Caraibi e nell’America centrale, ma non era abbastanza per l’economia coloniale. Poiché la valuta britannica era necessaria per pagare le importazioni dalla madre patria, il principale tipo di moneta utilizzato nell’economia coloniale era il dollaro spagnolo, che poteva essere suddiviso in 8 pezzi (bits).

Il credito veniva fornito da altri coloni, da commercianti e da banche inglesi. Il denaro coloniale era multiforme: materie prime usate come denaro, monete straniere, baratto e valuta emessi dai governi coloniali, dove i governi stabilivano il tasso di cambio tra la loro valuta e un’altra forma di denaro, di solito in riferimento al valore delle materie prime. Le valute estere erano principalmente valute britanniche e spagnole. Sebbene il baratto non sia mai stato una buona forma di denaro, alcuni prodotti, come il tabacco, erano abbastanza diffusi e avevano un valore ben noto, specialmente nelle colonie meridionali, per questo erano adeguati ad essere utilizzati come una forma di denaro.

 

Moneta cartacea

Ma l’economia cresceva ed aumentava la domanda di denaro, che però non era facilmente disponibile nell’America coloniale. Come notò Benjamin Franklin, gran parte dell’oro e dell’argento venivano usati per pagare le importazioni britanniche, riducendo così la quantità di denaro disponibile per l’economia locale, deprimendo le attività commerciali locali. I governi coloniali contrastarono la carenza di denaro stampando la carta moneta. La maggior parte di queste valute di carta erano chiamate “dollari”, a motivo della forma più comune di moneta mercantile nelle colonie coloniali, che era il dollaro spagnolo. Il termine “dollaro” proveniva dal tedesco ed era applicato a monete di qualsiasi paese che potesse essere scambiato per il loro peso in argento. Sebbene i coloni avessero alcune sterline inglesi, era necessario usare la moneta britannica per pagare le importazioni britanniche, il che faceva impoverire l’economia coloniale di quella valuta. Attraverso importanti scambi commerciali con gli spagnoli, i coloni accumulavano molti più dollari spagnoli che sterline inglesi, quindi i dollari spagnoli erano la principale forma di moneta di mercato nelle colonie.

La colonia della Massachusetts Bay emise la prima moneta cartacea per pagare i soldati che combattevano contro i francesi in Canada. In seguito ciascuna delle altre colonie iniziò ad emettere la propria valuta. Il denaro non aveva un valore uniforme e alcune colonie emettevano più moneta cartacea di quella che potevano convertire. Venivano così a prefigurarsi le prime banche degli Stati Uniti d’America. Il North e South Carolina, il New Jersey e New York emettevano moneta cartacea già prima del 1720. Queste prime banconote venivano usate principalmente per finanziare le guerre, ma negli 1720 i governi coloniali emettevano regolarmente banconote per supportare l’economia generale. Queste prime forme di cartamoneta erano chiamate “buoni di credito” e potevano essere utilizzate per pagare le tasse e altre spese governative, conferendo così alle banconote un valore reale di spendibilità.

Il governo della Pennsylvania emise la sua prima banconota nel 1723, che era equivalente a 15’000 sterline o a 48’000 dollari d’argento spagnoli. In seguito fu emessa nel 1724 una banconota equivalente a 30.000 sterline. Sebbene questa valuta iniziale non fosse sostenuta da riserve d’oro o d’argento, i detentori di queste banconote potevano usarle per pagare le tasse governative.
Questa moneta cartacea, tuttavia, inizialmente aveva quasi sempre una data di scadenza, quindi la valuta poteva essere utilizzata solo per pagare il governo con la propria valuta entro quel tempo. Questo meccanismo permise di controllare l’offerta di denaro, entro certi limiti.

 

Il bisogno di cartamoneta

Si discusse molto sull’utilizzo della moneta cartacea, in quanto spesso si svalutava. Molte legislature coloniali spesso emettevano grandi quantità di banconote, promettendo di rimborsare in futuro la valuta emessa. Ma, dal momento che i governi non sapevano veramente di quanti soldi avesse bisogno l’economia, e probabilmente non gli importava neanche saperlo, era molto facile mettersi semplicemente a stampare banconote per pagare i debiti del governo o per finanziare degli investimenti, in particolare le operazioni militari. Inoltre, poiché la moneta non era standardizzata, ciascuna delle 13 colonie emetteva una propria valuta che variava per aspetto e valore. E spesso veniva anche contraffatta, rendendo difficile per le persone capire se fosse valida oppure no. Inoltre, poiché i mercanti inglesi non potevano essere sicuri di quali valute fossero emesse dai governi coloniali, il Parlamento britannico approvò il Currency Act nel 1764, proibendo alle colonie di emettere banconote “americane”, il che, insieme allo Stamp Act [1765], sarebbe diventato una delle motivazioni per i coloni per volersi separare dall’Impero britannico.

Molte persone sostenevano che la valuta cartacea fosse necessaria. Uno dei più forti sostenitori della carta moneta era Benjamin Franklin, il quale aveva anche una tipografia per pubblicare i suoi argomenti.

Franklin argomentò a favore della carta moneta nel 1729 con il suo trattato, pubblicato in modo anonimo: “Una modesta inchiesta sulla natura e la necessità di una moneta cartacea“. In modo che la moneta cartacea possa mantenere il suo valore, Franklin sosteneva che le leggi sull’offerta di moneta a corso legale, le quali richiedono che i creditori accettino il denaro come pagamento di tutti i debiti e gli obblighi, o esigono tassi di cambio fissi tra denaro cartaceo e denaro ufficiale (al tempo monete d’oro o d’argento) è non sono ciò che garantisce il valore del denaro. E’ invece la quantità di moneta cartacea in rapporto al volume di affari all’interno delle colonie a determinare il suo valore. L’eccesso di denaro su ciò che l’economia richiede causerà il declino del valore della valuta cartacea. Quindi, per mantenere il valore, la quantità della valuta deve essere attentamente controllata in modo da mantenere l’equilibrio monetario, che si ha quando l’offerta di moneta è uguale alla sua domanda.

Franklin rafforzò il suo sostegno per la valuta cartacea facendo riferimento alle fluttuazioni del valore dell’oro e dell’argento stesso. Ad esempio quando gli spagnoli scoprirono grandi quantità di oro e argento in America centrale, il che causò il declino del valore di quei metalli, in quanto la loro disponibilità aumentava più velocemente di quanto ne richiedesse l’economia. Franklin sosteneva inoltre che il motivo per cui l’argento e l’oro avevano visto aumentare notevolmente il loro valore durante il periodo coloniale era il fatto che la maggior parte di queste monete veniva esportata in Inghilterra per pagare i beni britannici di importazione.
Il modo migliore per stabilizzare il valore delle banconote è basarle sulla terra, perché il valore della terra non fluttua con la stessa facilità delle merci o della valuta cartacea, né può essere esportato in un paese straniero. Quindi, sosteneva, il legislatore dovrebbe emettere moneta attraverso un ufficio di prestito dove le persone che acquistano denaro promettono terreni come garanzia per i prestiti.

In epoca coloniale la gente acquistava terreni dal governo, spesso sotto forma di mutui. Quindi Franklin sosteneva che basare la valuta cartacea sulla terra avrebbe mantenuto l’offerta di denaro vicina ai bisogni dell’economia. Se non ci fossero abbastanza soldi, la gente dovrebbe prendere in prestito più denaro per ridurre i costi di transazione e per evitare gli inconvenienti del baratto. Se ci fosse troppa moneta cartacea, la gente userebbe il denaro per estinguere i propri mutui verso il governo, riducendo così la quantità di denaro in circolazione. Questa stabilizzazione automatica del valore della valuta cartacea stabilizzerebbe anche il livello dei prezzi all’interno delle colonie.

Contrasto della contraffazione

Poiché la valuta non era standardizzata, gli stampatori potevano facilmente creare banconote contraffatte. Per contrastare la contraffazione, alcune banconote venivano tagliate su un lato con una linea ondulata. Queste banconote potevano essere convertite in un apposito ufficio governativo solo se la linea ondulata corrispondeva a uno standard tenuto in ufficio. Il problema di questa soluzione era che la banconota si poteva usurare, al punto da non adattarsi più al modello.

Benjamin Franklin trovò un’altra soluzione, messa in atto con la propria impresa che stampava cartamoneta per la Pennsylvania, il Delaware e il New Jersey. Nel 1739, stampò biglietti che deliberatamente riportavano errori di ortografia sul nome “Pennsylvania”, basandosi sul presupposto che ogni contraffattore avrebbe corretto l’ortografia. (Naturalmente, ad oggi non ci sono informazioni attuali su quanti coloni pensassero che il denaro di Franklin fosse contraffatto in quanto “Pennsylvania” era stato scritto in modo errato, dal momento che probabilmente tutti si attendevano che il governo fosse composto da persone competenti in ortografia).

Un’altra innovazione di Franklin che contribuì a contrastare i contraffattori fu la sua capacità di stampare foglie e altri disegni intricati, che era difficile riprodurre usando blocchi di piombo. Nel 1737 Franklin inventò il processo di stampa di intricati dettagli della natura, usando una lastra di rame per trasferire l’immagine sulla banconota. Spesso veniva usata l’immagine di una foglia perché aveva vene complesse che non potevano essere facilmente copiate dai contraffattori. Questo processo fu usato per la prima volta nel 1737 su una banconota del New Jersey.

 

La fine dell’emissione di banconote da parte dei governi coloniali

L’emissione di valuta cartacea da parte dei governi coloniali si concluse quando, dopo la Rivoluzione Americana, la Convenzione costituzionale del 1787 approvò risoluzioni che vietavano ai governi nazionali e federale di emettere una propria moneta cartacea. Le banconote sarebbero state invece emesse da banche che erano state istituite e regolamentate dal governo federale, anche se si trattava di imprese private. Il Congresso Continentale, inoltre, iniziò ad emettere la propria moneta per finanziare la Rivoluzione, chiamata naturalmente “Continental”.

 

Seguono alcuni esempi di banconote emesse in quel periodo storico

 

 

Conclusioni

Questo racconto storico può essere molto istruttivo anche per noi oggi in Italia, in Europa.

Oggigiorno la nostra economia è come “colonizzata” dal mondo dell’economia finanziaria, che impone ai privati ed ai governi di utilizzare unicamente moneta presa in prestito.

Come già constatava Benjamin Franklin, se la moneta è solo di tipo prestato a credito, ne circola troppo poca per dare un lavoro a tutti i disoccupati, in quanto le banche prestano poco denaro e tutto il denaro circolante è gravato da interessi “usurai”.
Il denaro viene reso artificialmente scarso per soddisfare unicamente le richieste del “colonizzatore”, mandando in depressione l’economia colonizzata, per mancanza di liquidità.

La soluzione attuata nel XVIII secolo dai coloni americani potrebbe essere utilizzata anche oggi per fare ripartire l’economia reale ed assicurare a tutti un lavoro (nella Nuova Inghilterra non c’erano disoccupati, né poveri, né barboni).

E non si dica che “oggi sono altri tempi.
Nel 1764 i parlamentari inglese non credevano a Franklin quando spiegava che il successo economico delle colonie (mentre nel Regno Unito c’erano poveri e disoccupati) era principalmente dovuto alla stampa di moneta cartacea, senza garanzie in metallo prezioso, da parte dei governi coloniali.

Allo stesso modo oggi molti non credono che il poderoso sviluppo economico del Giappone, negli anni 1960-1980, come quello attuale della Cina, siano fondati principalmente sulla emissione di cartamoneta (o moderna versione elettronica) semplicemente creata e messa in circolazione tramite spesa pubblica, senza alcuna garanzia fatta di riserve (come avviene nei paesi occidentali).
In Giappone da qualche decennio vengono emessi titoli di stato in cambio di nuova moneta, come nei paesi occidentali, ma in realtà gran parte dei quei titoli vengono immediatamente convertiti in nuova moneta dalla BOJ: è cambiata la forma, ma non la sostanza.

Anche in Italia potremmo, se lo volessimo, adottare questo meccanismo. Il modo più rapido per farlo sarebbe probabilmente l’emissione di Moneta Fiscale, secondo la proposta degli economisti Marco Cattaneo, Biagio Bossone, Massimo Costa e Stefano Sylos Labini.

Come molto acutamente aveva già capito Benjamin Franklin, ciò che dà valore alla moneta non sono le riserve al momento della sua emissione, ma è la sua spendibilità. E ciò che garantisce la spendibilità è il fatto di poter pagare le tasse in quella valuta, come facevano i RICCHI coloni nella Nuova Inghilterra, che a breve sarebbe diventata gli Stati Uniti d’America.

One Reply to “Le monete coloniali in America prima dell’indipendenza degli USA: la cartamoneta era il segreto della loro ricchezza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.