Come riparare gratis le buche delle strade grazie al moltiplicatore fiscale

di Davide Gionco

Se lo Stato decide di spendere 100’000 euro aggiuntivi (che ora non ha e prende in prestito) per finanziare la riparazione delle buche delle strade, questo investimento aggiuntivo consentirebbe la creazione di 4 nuovi posti di lavoro, dando lavoro a 4 persone che prima erano disoccupate e pesavano negativamente sul bilancio pubblico.

Seguiamo ora, dal punto di vista matematico, le conseguenze di questa decisione politica.

Per il momento la spesa di 100 mila ha generato un PIL di 100mila. Nella formula di calcolo del PIL, infatti, è compresa la spesa pubblica.

Ora, quelle 4 persone pagheranno, tutto compreso, il 50% di tasse e il resto lo spenderanno per vivere o lo metteranno da parte come risparmio.

Trattandosi di famiglie che hanno fatto la fame causa disoccupazione, tendenzialmente non risparmieranno il denaro, ma lo spenderanno per i propri bisogni.

Supponiamo, quindi, che dei 50mila euro restanti dopo il pagamento delle tasse 45mila siano spesi e 5’000 siano risparmiati (10% di risparmio).

Questa spesa di 45mila farà crescere il PIL di 45mila euro oltre ai 100mila di crescita generati dall’investimento pubblico iniziale.

I percettori di questi pagamenti pagheranno il 50% di tasse (22’500 euro) e avranno a disposizione 22’500 euro per la famiglia, di cui il 10% = 2’250 euro, sono risparmiati, ed i restanti 20’250 euro sono spesi per i bisogni della famiglia.

E il PIL è cresciuto di altri 20’250 euro.

Al passaggio successivo il PIL crescerà ancora di 9’112.50 euro.

Al passaggio seguente ancora di 4’100.63 euro.

Quindi di 1845.28 euro

Quindi di 830 euro

E così via…

Alla fine, facendo la somma di tutto, l’investimento pubblico iniziale di 100mila euro avrà generato una crescita del PIL di circa 180mila euro, un aumento del risparmio privato di circa 20mila euro ed entrate fiscali aggiuntive pari a 100mila euro, che consentono di ripagare l’investimento iniziale.

Oltre alle transazioni monetarie è stata generata ricchezza reale aggiuntiva (la riparazione delle buche ed un aumento delle vendite commerciali) pari ad un valore di 180mila euro, che non sarebbe stata generata mantenendo quei 4 lavoratori disoccupati

Il debito sarà aumentato di 0 euro, mentre il PIL sarà aumentato di 180mila euro, contribuendo alla riduzione del rapporto debito/PIL.

Ci guadagnerebbero tutti.
Perché non lo si fa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.