Le origini segrete della banca d’Inghilterra

di Stephen Goodson

Dal 757 fino alla morte nel 791, il grande Re Offa governò il regno di Mercia, uno dei sette regni autonomi della eptarchia anglosassone. Offa era un saggio ed abile amministratore dal cuore gentile, benchè fosse duro con i suoi nemici. Egli fondò il primo sistema monetario in Inghilterra (diversa dalla Britannia romano-celtica). Causa la scarsità di oro, usò l’argento per il conio e come riserva di ricchezza. L’unità di conto monetaria era una libbra di argento, divisa in 240 pennies. Sui pennies veniva impressa una stella (antico inglese “stearra”), dalla quale deriva la parola “sterling”. Nel 787 Offa introdusse una legge che proibiva l’usura, cioè caricare di interesse il prestito della moneta. Le leggi contro l’usura furono ulteriormente rafforzate dal Re Alfredo (r. 865- 99) che ordinò la confisca delle proprietà degli usurai, mentre nel 1050 Edoardo il Confessore (1042-66) decretò non solo la confisca, ma anche che l’usuraio fosse dichiarato fuorilegge e condannato al bando perpetuo.

Prima migrazione ed espulsione deli ebrei
Gli ebrei giunsero per la prima volta in Inghilterra nel 1066 in seguito alla sconfitta di Harold II ad Hastings provocata da Guglielmo I il Conquistatore il 14 ottobre. Questi ebrei arrivarono da Rouen, a 75 miglia da Falaise, dove Guglielmo venne al mondo illegittimamente come Guglielmo il Bastardo. Nonostante le registrazioni storiche non dicano se essi appoggiarono l’idea di una invasione militare dell’Inghilterra, questi ebrei per lo meno la finanziarono. Per questo sostegno essi furono riccamente remunerati permettendo loro di praticare l’usura sotto la protezione reale. Le conseguenze per il popolo inglese furono disastrose. Facendo pagare ratei di interesse del 33% l’anno sui terreni ipotecati dai nobili ed il 300% l’anno sugli strumenti di mestiere e su tutti i beni impegnati dai lavoratori, entro due generazioni un quarto di tutte le terre inglesi cadde nelle mani degli usurai ebrei. Inoltre questi immigrati minavano l’etica delle corporazioni ed infuriavano i mercanti inglesi vendendo una gran quantità di merce “sotto lo stesso tetto” (con una singola licenza). Ebbero inoltre un ruolo primario nel limare le monete d’argento fondendo la limatura in lingotti e placccando d’argento lo stagno.

Il famoso economista Dr. William Cunningham paragona l’attività degli ebrei in Inghilterra dal XI secolo in poi ad una spugna, che succhia tutta la ricchezza della terra e ne compromette lo sviluppo economico. E’ interessante notare che vi sono le prove che perfino in questo periodo inziale il Governo fece tutto ciò che era in suo potere per indurre gli ebrei a commerci “decenti” e ad un lavoro onesto, per quindi amalgamarsi con il resto della popolazione, ma senza successo.
Nel 1233 e nel 1275 furono approvati gli statuti sulla Giudea che abolivano qualsiasi forma di usura. Siccome gran parte di questi ebrei non potevano “guadagnarsi da vivere”, fu approvata una legge del Re Edward I (1272-1307) il 18 luglio 1290 che obbligava tutta la popolazione ebraica di 16’000 persone a lasciare l’Inghilterra per sempre. A differenza della pratica moderna di pulizia etnica, agli ebrei, dopo il pagamento di 1/15 del valore dei loro beni e 1/10 delle loro monete, fu permesso di uscire con tutti i loro beni ed attrezzi. Qualsiasi ebreo che fosse restato in Inghilterra dopo il 1° novembre 1290 (festa di Tutti i Santi) era passibile di esecuzione.

Il glorioso Medio Evo
Con il bando dei prestatori di denaro e l’abolizione dell’usura, c’erano ben poche tasse da pagare e nessun debito statale, perché il Governo usava i “tally sticks” (bastoni di legno con le tacche), denaro senza interessi. L’Inghilterra ora godeva un periodo disviluppo e prosperità senza paragoni. Il lavoratore medio lavorava solo 14 settimane l’anno e godeva da 160 a 180 giorni di festivi. Secondo Lord Leverhulme, uno scrittore dell’epoca: “Gli uomini del XV secolo erano molto ben pagati “, così bene che il potere d’acquisto delle loro paghe ed il loro standard di vita sarebbe stato superato solo nel tardo XIX secolo.

Houston Stewart Chamberlain, il filosofo anglo-tedesco, conferma queste condizioni di vita nel libro “ The Foundations of the XIX Century”: “Nel XIII secolo, quando le razze teutoniche cominciarono a costruire il loro nuovo mondo, l’agricoltore in quasi tutta l’Europa era un uomo libero, con una assistenza più sicura di quanto lo sia oggi. La proprietà del terreno era la regola, cosicchè l’Inghilterra, oggi sede del latifondo – era fino al XV secolo quasi interamente in mano a migliaia di agricoltori, che non solo erano proprietari legittimi della loro terra, ma possedevano in aggiunta il diritto al libero accesso a pascoli e boschi comuni

Fine dell’età dell’oro
Durante il XVII secolo questa età dell’oro si concluse tragicamente. Un gran numero di ebrei che erano stati espulsi dalla Spagna nel 1492 da Isabella I di Castiglia e da Ferdinando II di Aragona si stabilirono in Olanda. Benchè gli olandesi all’epoca fossero una potenza marittima, gli usurai ebrei che si erano stabiliti ad Amsterdam desideravano ritornare in Inghilterra, dove le prospettive per espandere le operazioni di prestiti di denaro erano più promettenti. Durante il regno della Regina Elisabetta I (1558-1603) piccoli gruppi di “marrani” – ebrei spagnoli che si erano convertiti ad una forma falso cristianesimo – si stabilirono a Londra. Molti di essi erano orafi, accettavano depositi di oro in custodia e quindi emettevano ricevute dieci volte l’ammontare dell’oro custodito come ricevute di oro, cioè prestiti con interesse. Queste ricevute, precursori del sistema fraudolento di riserva frazionaria delle banche, erano all’inizio prestate alla Corona o al tesoro al tasso dell’8% l’anno, ma secondo Samuel Pepys, diarista e segretario dell’Ammiragliato, il rateo di interesse aumentò fino al 20% o addirittura il 30% l’anno. L’interesse che i mercanti pagavano spesso eccedeva il 33% l’anno, anche se il rateo legale era il 6% l’anno. Operai e bisognosi sopportavano il peso di questi interessi estorsivi dovendo pagare 60%, 70% o fino all’80% l’anno. Secondo Michael Godfrey, autore dell’opuscolo intitolato “A short Account of the Bank of England”, da 2 a 3 milioni di sterline si erano perdute per bancarotta di orafi e scomparsa dei loro commessi.

Nel 1534, con la Legge sulla Supremazia, la chiesa d’Inghilterra fu dichiarata religione ufficiale dal Re Enrico VIII (1509-1547). Durante i secoli XVI e XVII le credenze puritane basate sugli insegnamenti di John Wycliffe e John Calvin guadagnarono un crescente numero di aderenti. I Puritani consideravano la Bibbia la vera Legge di Dio e incoraggiavano la sua lettura, la preghiera ed i sermoni e la semplificazione del rituale dei sacramenti.
Re Carlo I Stuart I (1625-1649), che desiderava mantenere la preminenza della chiesa anglicana, giunse ad aspro conflitto con i Puritani, che stavano facendo grandi progressi nel proselitismo della intera popolazione. Dopo l’assassinio dell’amico fidato e consigliere di Carlo, il duca di Buckingham, nel 1628, gradualmente si isolò dalla gente.

Le crescenti divisioni religiose fornirono la perfetta opportunità di sfruttamento ai cospiratori ebrei. Come scrisse Israel Israeli, il padre del Primo Ministro Benjamin Israeli ne “The Life and Reign of Charles I” “la nazione fu artatamente divisa fra Sabatariani e violatori del Sabato.
Nel 1640 uno dei capi della comunità ebraica clandestina, Fernandez Carvajal, mercante e spia, conosciuto anche come “The Great Jew”, organizzò una milizia armata di circa 10.000 membri, che furono utilizzati per intimidire i londinesi e seminare la confusione. Furono distribuiti un gran numero di opuscoli e volantini.
Ben presto scoppiò la guerra civile fra i Realisti (Anglicani) e “Rounbdheads” (Puritani) che durò dal 1642 al 1648. I Roundheads con il loro esercito “New Model Army” furono vittoriosi e si stima che morirono 190.000 persone, il 3,8% della popolazione.
Il capo dei Roundheads (o Parlamentaristi) era Oliver Cromwell (1599-1658), il cui esercito “New Model Army” non solo era attrezzato e approvvigionato dal capo imprenditore ed agitatore di mestiere, Fernando Carvajal, ma anche rifornito di denaro dagli ebrei prestatori di soldi di Amsterdam. Il capo degli ebrei olandesi, Monasseh ben Israel inviò una petizione a Cromwell chiedendogli che fosse permesso agli ebrei di immigrare in Inghilterra in cambio dei favori finanziari, da lui generosamente forniti.

L’assassinio di re Carlo I
Il tradimento a cui si abbassò Cromwell è rivelato dalla corrispondenza fra lui e la sinagoga di Muelheim (Germania): 16 giugno 1647, da O.C. (Oliver Cromwell) a Ebener Pratt: “In cambio del sostegno finanziario sosteniamo l’ammissione degli ebrei in Inghilterra. Questo è impossibile con Re Carlo vivente. Carlo non può essere giustiziato senza processo, non esistono al momento ragioni adeguate . Quindi consigliamo che Carlo sia assassinato. Non sarà difficile procurare un assassino, che aiuteremo a fuggire”.
La risposta fu: Ad Oliver Cromwell da Ebebener: “Forniremo aiuto finanziario appena Carlo sarà rimosso e gli ebrei riammessi. L’assassinio è troppo pericoloso. A Carlo sarà data l’opportunità di fuggire: la sua cattura giustificherà il processo e l’esecuzione. Il sostegno sarà liberale, ma non è il caso di discutere i termini fino a quando comincerà il processo”.

Re Carlo era trattenuto come prigioniero di fatto presso Holmy House, Northamptonshire. Il 4 giugno 1647 un gruppo di 500 rivoluzionari catturò il re, ma gli consentirono di fuggire all’isola di Wight, dove fu in seguito arrestato . Il 5 dicembre 1648 la Camera dei Comuni decise “che le concessioni del Re erano soddisfacenti per un accomodamento” (20). Cromwell quindi epurò la Camera dei Comuni con l’assistenza del colonnello Pryde, fino a quando rimase un gruppetto di 50 membri, che votarono opportunamente che il re fosse processato. Nessun avvocato se la sentiva di sostenere un atto di accusa contro il re. Alla fine fu un ebreo olandese che se ne prese carico, Isaac Dorislaus.
Il re fu costretto a partecipare ad un processo-spettacolo presso una Alta Corte di Giustizia nella quale due terzi dei suoi membri erano ””levellers” (agitatori cromwelliani) dell’esercito.
Re Carlo rifiutò di chiedere la grazia, fu dichiarato colpevole e giustiziato il 29 gennaio 1649.
Quando la processione si avvicinò al patibolo, moltissimi componenti della folla gridarono: “God save the king!” Quando tutto fu finito si udirono molti gemiti di angoscia.

Seconda immigrazione degli ebrei
Dal 7 al 18 dicembre 1655 Cromwell tenne una conferenza a Whitehall allo scopo di ottenere l’approvazione per l’immigrazione su vasta scala degli ebrei. Nonostante la sala fosse gremita di sostenitori di Cromwell, la schiacciante maggioranza dei delegati, in massima parte preti, legali e mercanti, votò contro l’ingresso degli ebrei in Inghilterra. Nell’ottobre 1656 ai primi ebrei fu surrettiziamente permesso di entrare liberamente in Inghilterra, nonostante forti proteste registrate dal sottocomitato del Consiglio di Stato, che dichiarò che questi ebrei “sarebbero stati una grave minaccia per lo Stato e per la religione cristiana”.
I mercanti, senza eccezione, parlarono contro l’ammissione degli ebrei. Essi dichiararono che gli immigranti proposti sarebbero stati “moralmente pericolosi per lo Stato e che la loro ammissione avrebbe arricchito gli stranieri a spese degli inglesi”.

Cromwell morì il 3 settembre 1658, succeduto dal figlio, Richard, che governò per nove mesi.
Carlo II (1630-1685), figlio del giustiziato Carlo I, succedette al padre.
Nonostante egli fosse l’ultimo monarca inglese ad emettere banconote con pieno diritto, commise due errori fatali nell’esercizio del potere.
Il 1° agosto 1663 approvò la legge per l’incoraggiamento del commercio che permise la ”esportazione di tutte le monete straniere, lingotti d’oro o d’argento, liberi da interdizione, regolamentazione o imposte di qualsiasi genere”.
Tre anni più tardi, con la legge per l’ incoraggiamento al conio, permise ai soggetti privati, bancari ed orefici, di coniare le monete del regno nella zecca reale e con ciò di acquisire i considerevoli benefici del reddito di signoraggio per loro vantaggio privato.

Il fratello di Carlo II, suo fratello Gicomo II (1633-1688), regnò appena tre anni. Egli fu vittima di opuscoli senza scrupoli e di propaganda, provenienti in gran parte dall’Olanda.
Una spedizione militare condotta dal principe Guglielmo d’Orange alla fine lo detronizzò. Benchè l’esercito di Giacomo fosse numericamente superiore, fu scoraggiato dall’attaccare dopo che John Churchill, primo duca di Marlborough, lo aveva improvvisamente abbandonato. Secondo l’enciclopedia ebraica, Churchill ricevette uno stipendio annuale di 6’000 sterline dall’ebreo olandese Solomon Medina in ricompensa della sua condotta traditrice.

La campagna militare di Guglielmo d’Orange, così come quella del 1066 di Guglielmo il Conquistatore, era stata finanziata da banchieri ebrei.
In cambio del loro appoggio Guglielmo III (1650-1702) avrebbe trasferito le prerogative reali di emettere la valuta dell’Inghilterra, libera da debito ed interesse, ad un consorzio conosciuto come “Governor and Company of the Bank of England.”
A.N. Field in “All these Things” riassume questi gravi momenti come segue: “Trentatre anni più tardi dopo che Cromwell aveva ammesso gli ebrei in Inghilterra, un principe olandese arrivò da Amsterdam circondato da uno sciame di ebrei di quel centro finanziario. Estromettendo suo suocero dal regno, graziosamente accettò di ascendere al trono d’Inghilterra.”
Il risultato naturale che seguì questo evento fu la nascita del debito pubblico, a seguito alla fondazione della Banca d’Inghilterra, creata con lo scopo di prestare denaro alla Corona.
Prima di allora l’Inghilterra aveva sempre pagato tutto di tasca sua, fino all’arrivo degli ebrei.
Si aprì in quel momento il Monte di Pietà e la risultante situazione in cui si trova oggi non potrebbe essere descritta meglio delle parole che Shakespeare, con visione profetica, mette in bocca al morente John de Gaunt:
This blessed plot, this earth, this realm, this England …
this land of such dear souls, this dear, dear land.
Dear for her reputation through the world,
is now leas’d out,
I die pronouncing it,
like to a tenement,
or pelting farm
England, bound in with the triumphant sea,
Whose rocky shore beats back the envious siege.
Of wat’y Neptune, is now bound in with shame,
with inky blots,and rotten parchment bonds:
That England, that was wont to conquer others,
Hath made a shameful conquest of itself
”.
(Riccardo II, Atto 2, Scena 1).

La storia del secondo insediamento ebraico in Gran Bretagna è una lunga scia di obbligazioni di pergamena che incatenano la nazione al debito. Ogni passo dell’ascesa ebraica negli affari della nazione è stato contrassegnato dall’aumento e moltiplicazione del debito.

La Banca d’Inghilterra
La necessità di una banca centrale privata fu affrontata da un pirata in pensione, William Paterson, quando scrisse un opuscolo nel 1693 intitolato “A Brief Account of the intended Bank of England”.
Si sarebbe più avanti vantato che “questa banca avrebbe il beneficio dell’interesse sul denaro che egli avrebbe creato dal nulla”.
Il 21 giugno 1694 si aprirono le liste di sottoscrizione della banca, che aveva un capitale di 1.200.000 sterline. Il seguente lunedì questa somma era stata interamente sottoscritta

Lo scopo apparente della banca era di prestare a re Guglielmo somme di denaro illimitate, al tasso di interesse dell’8% annuo, per permettere la prosecuzione della guerra ed in particolare il conflitto contro Luigi XIV di Francia.
La banca avrebbe quindi ricevuto dalla Corona interesse di 100.000 sterline all’anno ed ulteriori 4.000 sterline come imposta amministrativa. La banca acquistò inoltre il diritto di emettere 1’200’00 sterline in banconote senza copertura aurea.
Prima degli elenchi, gli statuti della banca erano attentamente esaminati da Serjeant Levinz allo scopo di accertare che la banca si attenesse ai suoi scopi nascosti, cioè derubare perpetuamente il popolo inglese permettendo la creazione della moneta nazionale e mezzi di scambio dal nulla, con interessi.
Tutto questo denaro contraffatto era accompagnato da interesse composto. Levinz era un ebreo di Amsterdam che praticava l’avvocatura.

Ci fu forte opposizione alla fondazione della banca. I più contrari erano gli orefici ed i prestatori di denaro, che, a buona ragione, temevano che essa avrebbe fatto concorrenza al loro usuraio racket della riserva frazionaria bancaria fondata sulle loro ricevute di oro.
I proprietari di case e la piccola nobiltà terriera temevano un aumento dei tassi di interesse, poiché la banca avrebbe tenuto sotto controllo la circolazione monetaria della nazione.
C’erano affermazioni che la banca avrebbe favorito certi mercanti con bassi tassi di interesse.
Il più grande timore era che la banca sarebbe diventata troppo potente e che sarebbe diventata la pietra angolare del commercio mondiale.
Sfortunatamente ciò è esattamente ciò che accadde, quando la Banca d’Inghilterra diventò il modello sul quale furono copiate le altre banche centrali.
A quell’epoca la Camera dei Comuni aveva 512 membri, di cui 243 Tories, 241 Whigs e 28 membri di cui non conosciamo l’orientamento (35). Circa due terzi dei membri erano gentiluomini di campagna e si ritiene che di 512 membri il 20% di essi fosse illetterato. La legge fu dibattuta nel luglio 1694, nel pieno dell’estate, quando la maggior parte dei membri rurali erano occupati negli affari della campagna e nella raccolta della produzione agricola.

In quel fatale venerdì 27 luglio 1694, quando fu concesso l’atto costitutivo, solo 42 membri erano presenti , tutti Whigs, poiché i Tories avversavano la legge (questo dimostra come fosse composto il quorum all’epoca).
Il titolo della Legge non faceva menzione della proposta Banca d’Inghilterra, che è descritta solo, o meglio, secretata, in linguaggio non comprensibile per i profani.
Le parole della Legge cominciavano in questo modo: ”William and Mary by the grace of God, King and Queen of England, Scotland, France and Ireland, defenders of the faith, etc.
To all for whom these presents shall come greetings…

La terza frase, contenente 242 parole, cominciava così:
Whereas in and by a certain Act made in Parliament entitled an Act for granting to Their Majesties several rates and duties upon tonnage of ships and vessels, and upon beer, ale, and other liqueurs, for securing certain recompenses and advantages in the said Act mentioned, to such persons as shall voluntarily advance the sum of fifteen hundred thousands pounds towards carrying on the war it is amongst other things enacted…

L’essenza dei primi due terzi della legge elenca la necessità di imporre un complicato insieme di nuove aliquote di tasse e imposte su navi, birra, ale ad altri liquori.
Il vero motivo di queste tasse era la necessità di pagare gli interessi sui futuri prestiti governativi.
Poco dopo furono introdotte ulteriori tasse, incluse le imposte fondiarie, la tassa su carta da parati, l’imposta capitale (imposta su ogni persona sopra i quindici anni), la tassa sul sale, l’imposta di bollo, l’imposta sulle finestre (che rimpiazzava la tassa sul focolare o tassa sulla ciminiera).
Altre tasse introdotte furono la tassa sui venditori ambulanti, la tassa su carrozze da noleggio, la tassa sulle nascite, sui matrimoni e sui funerali e, per finire, la tassa sugli scapoli.
In ogni caso la più punitiva delle tasse introdotte fu l’imposta sulle entrate, riscossa al 20%. Fu applicata non solo sulle società, ma anche sugli individui.

Guerra e schiavitù del debito
Da quel momento sarebbe emerso il disegno di preparare guerre non necessarie, che avrebbero aumentato istantaneamente il debito nazionale e, quindi, i profitti degli usurai.
Significativamente, molte di queste guerre furono intraprese contro paesi che avevano attuato sistemi di banche statali senza interesse, come fu il caso delle colonie nordamericane e della Francia di Napoleone.
Questo schema di attaccare ed imporre il sistema bancario dell’usura è stato largamente impiegato nell’era moderna e comprende la sconfitta della Russia imperiale nella I Guerra mondiale, la Germania, l’Italia ed il Giappone nella seconda guerra mondiale, fino a casi più recenti come la Libia nel 2011.
Questi erano paesi che avevano sistemi bancari statali, che distribuivano la ricchezza prodotta su basi ugualitarie e che provvedevano ai loro popoli, con una qualità di vita di gran lunga superiore a quella dei loro rivali e controparti.

Entro due anni dalla sua fondazione nel 1696. la Banca d’Inghilterra aveva un valore circolante in banconote di 1’750’000 sterline, con una riserva aurea solo del 2% o 36’000 sterline.
Il 1 maggio 1707 si ebbe l’unione fra Inghilterra e Scozia, motivata in gran parte dalla necessità di assumere il controllo della zecca reale di Edimburgo, che ebbe luogo nel 1709.
Nel 1720 dopo la conclusione della Guerra di Successione spagnola (1701-1714) il debito nazionale era salito a 30 milioni di sterline, con un costo della guerra stessa di 50’000’000 di sterline.
Dopo la guerra di indipendenza americana (1776-1883), che si combattè dopo che i colonialisti avevano obbligato i coloniali a rimpiazzare la loro valuta senza debito con moneta inglese, la disoccupazione salì al 50% ed il debito nazionale schizzò a 176 milioni di sterline.

Nel 1786 il primo ministro Wiliam Pitt il Giovane cercò di abolire il debito nazionale con un accantonamento periodico che generò interessi di 1 milione di sterline l’anno per pagare il debito.
Questo programma fu presto abbandonato per l’enorme aumento di debito causato dal finanziamento della guerra contro Napoleone. Nel 1797, allo scopo di pagare il peso crescente dell’interesse, si dovette introdurre una graduale tassa sull’entrata.
La guerra contro Napoleone durò dal 1792 al 1815. Fra i principali obbiettivi di questo sanguinoso conflitto c’era la distruzione del sistema finanziario napoleonico senza debito e senza interessi.
Il 18 gennaio 1800 Napoleone fondò la Banque de France come banca di Stato. Poichè Napoleone detestava i banchieri, si autonominò Governatore della banca ed anche Ministro del Tesoro.
Durante questo periodo l’Inghilterra intraprese una guerra contro gli Stati Uniti dal 1812 al 1814. Questa guerra fu fomentata dalla Gran Bretagna, dopo che il Congresso degli Stati Uniti rifiutò di rinnovare la carta della banca degli Stati Uniti di proprietà straniera, che era stata la banca centrale americana dal 1791 al 1811.

Nel 1815 il debito nazionale era ingigantito a 885 milioni di sterline. Questa guerra inutile e che non si poteva vincere, ebbe come risultato 3 milioni di morti fra il personale militare ed almeno un milione di civili [in realtà i morti furono circa 35’000] e costò 831 milioni di sterline, di cui più di 2,5 miliardi di sterline erano ancora da pagare nel 1914.
Il capitale di 504 milioni di sterline aumentò di cinque volte a causa degli interessi composti.
Un astuto agrario e parlamentare, William Cobbett (1763-1835), percepì che cosa stava succedendo e scrisse quanto segue: “I set to read the Act of Parliament by which the Bank of England was created. The investors knew what they were about . . . lands . . . houses . . . property . . . labour. The scheme has produced what the world never saw before: starvation in the midst of abundance.”

Gli affari della Banca d’Inghilterra restarono segreti e non fu prima del 1833, 139 anni più tardi, che una versione edulcorata fu presentata in Parlamento mediante la Legge del 1833.
Nel 1800 un deputato, sir William Pultney, propose la creazione di una banca nazionale dopo avere sferrato “vigorosi attacchi” contro la banca.
Nel 1924 un altro membro del Parlamento, David Ricardo, presentò un piano dettagliato per convertire la Banca d’Inghilterra in Banca Nazionale. Entrambi i tentativi fallirono.

All’inizio della prima guerra mondiale, nel 1914, il debito nazionale inglese stava a 650 milioni di sterline.
Il 31 marzo 1919 era aumentato a 7’434 miliardi di sterline, di cui 3 miliardi ancora in sospeso dopo 94 anni, con lo sconto del 3,5% l’anno.
Nella seconda guerra mondiale il debito nazionale aumentò di circa il 200%, da 7,1 miliardi nel 1939 a 20,1 miliardi nel 1945. Attualmente si aggira a quasi 1,2 trilioni di sterline.

Conclusione
Per oltre 300 anni l’Inghilterra è stata trascinata nella schiavitù da una cricca di banchieri internazionali senza scrupoli, il cui impero parassitario minaccia l’esistenza di questa nazione-isola.
L’orgoglioso popolo di piccoli proprietari terrieri e contadini di una volta, per ignoranza ed indifferenza, è diventato un crogiolo multiculturale di schiavi del debito nazionale.
A meno che i suoi cittadini autentici non si assumano la responsabilità di familiarizzare con la vera natura del loro problema, sono destinati entro poche generazioni ad irreversibile schiavizzazione e distruzione genetica.

 

Note sull’Autore:
Stephen Goodson è il capo del partito “Abolition of Income Tax and Usury Party” in Sudafrica. Ha studiato economia e giurisprudenza alla Stellenbosch University e all’ Università di Gent.
Per 15 anni ha gestito investimenti di portafoglio in varie istituzioni finanziarie. E’ attualmente un direttore della South African Reserve Bank.

Tratto da “The Barnes Review” vol XVIII n.5 set/ott 2012
Tradotto da Alfio Faro

Traduzione tratta da:
https://www.disinformazione.it/origini_banca_inghilterra.htm

Senza categoria

Lascia un commento