Categoria: Tecniche di manipolazione di massa

I soldi a “fondo perduto” che appaiono e spariscono

di Andrea Caira La strategia europea per il piano finanziario da disporre contro l’emergenza economica prodotta dal Covid-19, assomiglia sempre di più al classico gioco delle tre carte. Con rapida maestria si mostrano i soldi, si nascondono, e alla fine, quando si è convinti di aver vinto, si perdono. Ma cosa sta succedendo […]

I complotti nel Regno Unito “dimostrati” dai documenti declassificati di prima del 1977

E’ possibile che i “complottisti” si inventino macchinazioni immaginarie da parte dei governi e dei poteri forti del mondo. Ma il fatto che, ogni volta che vengono desecretati dei documenti, emergano dimostrazioni di come i governo “occidentali democratici” abbiano messo in atto falsi ideologici di ogni genere, viene da pensare […]

I fatti esistono, ma ciò che provoca più danni sono le interpretazioni.

di Pierluigi Fagan INTERPRETAZIONE E FATTI. Come si nota nella vignetta di uno dei più grandi intellettuali italiani viventi, i fatti esistono, il problema sono le interpretazioni. Stamane mi sono letto un lungo articolo in inglese per altro ben fatto, che festeggiava ideologicamente la fine del neoliberismo. Citava il famoso […]

La psicosi di massa al tempo dei social (TUTTI CONTRO TUTTI)

La psicosi di massa, al tempo dei social, è diventata un’isteria avvolgente e delirante, una spirale che ipnotizza le coscienze e le rende disponibili a qualsiasi credenza. In questi giorni di clima surreale, infatti, di disinformazione e odio reciproco, abbiamo varie fazioni che si stanno sfidando in un pericolosissimo scontro tutti contro tutti. Abbiamo […]

Vietato pensare: l’incubo di Orwell è già realtà

di Enrica Perucchietti «Conosco bene tutti gli argomenti contro la libertà di pensiero e di parola, gli argomenti che affermano che non può esistere e quelli che dicono che non dovrebbe esistere. Rispondo semplicemente che non mi convincono e che la nostra civiltà nell’arco di quattrocento anni si è basata […]

L’accusa di complottismo: la “fallacia ad hominem” per screditare il dissenso

di Enrica Perucchietti Il pensiero unico su cui si deve assestare l’opinione pubblica è una forma di “politicamente corretto”, il più possibile allineato a quelli che sono gli obiettivi del potere. Il totalitarismo democratico ha i suoi cani da guardia, i suoi psicopoliziotti, pronti a riportare all’ovile chiunque dissenta od osi manifestare […]