Il franco CFA, una valuta coloniale che causa ritardi allo sviluppo dell’Africa

Abbiamo tradotto questo interessantissimo articolo tratto dal sito
https://www.legrandsoir.info/Le-franc-CFA-une-monnaie-coloniale-qui-retarde-l-Afrique.html#nh3-13

Questo articolo illustra in modo chiaro i meccanismi coloniali che, attraverso la valuta “franco CFA” e le sue regole, permettono alla Francia di continuare a trattare come colonie molti paesi africani.

I meccanismi propri dell’area del franco CFA (moneta unica, regole scritte a proprio vantaggio da chi emette la moneta, libera circolazione dei capitali, riduzione del credito bancario nelle aree periferiche”) sono in buona parte stati riproposti nell’area dell’euro, a tutto vantaggio di chi gestisce l’emissione dell’euro e le sue regole (le grandi banche tedesche e francesi) ed a spese dei popoli “colonizzati”.

* * * * * * * * * *

Il dibattito sul franco CFA si gonfia, mobilita e inquieta la Francia. Sempre più spesso, gli africani si occupano di questioni monetarie e mettono in dubbio i fondamenti del mantenimento del franco CFA, una moneta coloniale. In effetti, la guerra valutaria globale ha finalmente aperto gli occhi a coloro che stavano ancora cercando di chiuderli. Gli Stati Uniti operano per far svalutare il dollaro. Ricordiamo che la banca centrale degli Stati Uniti aveva annunciato all’inizio di novembre 2010 che avrebbe riacquistato 600 miliardi di dollari di buoni del tesoro, con l’obiettivo, afferma, di mantenere i tassi di interesse a livelli molto bassi per sostenere la ripresa economica.

È in questo contesto che la crisi post-elettorale in Costa d’Avorio ha risvegliato il vecchio dibattito sul franco CFA. Infatti, sette ministri delle finanze del UEMOA [Unione Economia e Monetaria dell’Africa Occidentale] hanno chiesto giovedì 23 dicembre 2010 al BCEAO [Banca Centrale degli Stati dell’Africa Occidentale] di autorizzare solo i rappresentanti del dott. Alassane Ouattara a gestire i conti della Costa d’Avorio. Inoltre, il Consiglio ha deciso “che i rappresentanti regolarmente nominati dal governo legittimo della Costa d’Avorio sono gli unici autorizzati a prendere misure relative al funzionamento dell’UEMOA per conto di questo paese”. Lo stesso Consiglio è aumentato per decidere “di incaricare il BCEAO di consentire solo ai rappresentanti regolarmente nominati dal governo legittimo della Costa d’Avorio di effettuare i movimenti sui conti a suo nome”.

Di fronte a questa impostura del BCEAO e dell’UEMOA, alcuni economisti ivoriani stanno contribuendo al dibattito dei loro contributi. Ma questo non è il problema, perché è inaccettabile che cinquant’anni dopo l’indipendenza, i paesi africani dell’area del franco (PAZF) non possano accedere alla sovranità monetaria, un prerequisito indispensabile per la piena sovranità. Se la lotta è encomiabile, a volte accade che i contributori, con i loro scritti e argomentazioni, sfruttino troppo la lotta. Non capendo i fenomeni monetari stessi, si invitano a un dibattito in cui solo gli “iniziati” hanno voce in capitolo.

Lo scopo di questo articolo è proprio quello di dimostrare perché il franco CFA dovrebbe scomparire per lasciare spazio a una valuta africana al servizio dello sviluppo. Ciò suppone innanzitutto di mostrare l’importanza della valuta: la prima questione è definire correttamente cosa è la moneta (I). A seguito di questa definizione è utile presentare la storia della valuta dell’area del franco (II). Tale presentazione permetterà quindi di dire perché uscire dall’area del franco (III).

 

UN APPROCCIO DEFINITIVO A COSA E’ IL DI DENARO.

La comprensione di come la moneta non sia una questione banale fa capire come lo sviluppo dei paesi africani dell’area del franco (PAZF) è oggi ai limiti del paradosso. Illustriamo a seguire le funzioni e la natura della valuta.

I.1. Le funzioni della moneta

L’economista Charles Rist rifiutava di dare la definizione di moneta perché ricopriva un dominio molto vasto. In effetti il denaro è uno dei concetti più difficili da definire nella teoria economica. Il denaro è sempre più presente a tutti i livelli della vita quotidiana degli agenti economici. Allo stesso tempo le sue forme sono sempre più complesse e molteplici. Dai tempi di Aristotele il denaro è definito dalle tre funzioni che dovrebbe esercitare: denaro come mezzo per gli scambi, denaro come riserva di valore e infine denaro come unità di conto.

Considerato come mezzo per gli scambi (unità di pagamento), la moneta è uno strumento che consente di scambiare due beni, evitando i vincoli del baratto. Si tratta di superare il vincolo dell’esatta doppia coincidenza dei bisogni del venditore e del compratore in termini di qualità e quantità, nello stesso luogo, vincolo peculiare al baratto. Considerando un’economia di baratto, l’assenza di una doppia coincidenza limita le possibilità di scambi e l’aspetto di un terzo elemento, la valuta, regola questo vincolo, “lubrifica” le transazioni. Secondo Jevons la mediazione monetaria sarebbe una condizione necessaria per lo sviluppo del commercio di beni e servizi. Questa funzione presuppone che la moneta abbia un potere liberatorio, cioè che garantisca la possibilità di effettuare pagamenti e di estinguere i debiti. Ora, è possibile avere in circolazione monete senza alcun potere liberatorio. Il pagamento rimanda, secondo B. Courbis, E. Froment e J.-M Servet, alla “appartenenza a una comunità di pagamento in cui sono stabiliti i mezzi di pagamento”. Pertanto, l’unità di pagamento può differire da quella di conto.

Il denaro serve anche come riserva di valore per due motivi: da un lato la non sincronizzazione tra entrate e spese e dall’altro l’incertezza sulle riserve future. Questi costituiscono due motivi per la “domanda di moneta”. Ha una funzione di riserva di valore perché è accettata da tutti e soprattutto perché è unità di conto. Questa funzione non è specifica del denaro, in quanto gli operatori economici hanno altri mezzi per mantenere il valore, cioè per detenere la ricchezza.
La ricchezza ha diverse componenti :
– ricchezza non finanziaria, che consiste in beni materiali (oro, casa, gioielli, fabbrica, ecc.) e beni immateriali (come, ad esempio, una buona volontà, una qualifica);
– ricchezza finanziaria, che consiste in titoli che possono essere scambiati direttamente per beni materiali o che, in generale, devono essere prima convertiti in denaro per lo scambio di beni materiali (attività monetarie, attività finanziarie).

Il denaro ha una terza funzione: quella dell’unità di conto. Senza denaro in un’economia di mercato ci sarebbero tanti prezzi quante sono le “coppie di merci”, le possibilità di scambio fra due beni. Se ci sono N beni, ci sono N*(N-1)/2 prezzi relativi. Per fare commercio in un sistema di baratto, ogni consumatore dovrebbe avere tutti questi prezzi in mente. Se uno di questi beni viene utilizzato come standard di valori, il sistema dei prezzi viene profondamente semplificato. È quindi sufficiente conoscere le espressioni (N-1) del valore degli altri beni nel bene prescelto come valuta per conoscere tutte le relazioni di valore dei N beni. La moneta rende quindi possibile stabilire una scala di prezzo unica e semplice, espressa in unità monetarie.

Ma una “vera” unità di conto non può avere valore da sé stessa, a meno che non vari. Ma questo è ciò che gli uomini hanno fatto usando, per brevi periodi storici, come valore monetario, i beni che avevano un prezzo certo. Tuttavia, durante la maggior parte del Medioevo, il Principe rimase il “padrone delle misure”: stampava il suo sigillo e fissava i valori monetari che differivano, nella maggior parte dei casi, da quelli del metallo incorporato.

Infine, la definizione funzionale del denaro non ci aiuta nel perseguimento del nostro obiettivo, quello di spiegare perché il franco CFA dovrebbe scomparire. Non possiamo essere soddisfatti di questa definizione. Abbiamo bisogno di approfondire la questione monetaria dicendo quello che è e non quello che fa.

 

I.2. La questione della natura del denaro

Cosa sono i soldi? Questa domanda, con la quale era necessario partire per iniziare i nostri ragionamenti, non ammette una risposta semplice, accettata da tutti gli economisti, né livello empirico né teorico. Per il momento preoccupiamoci di dissipare la “spessa nuvola” che avvolge i contributi di comprensione sulla natura del denaro.

Il denaro, rassicuriamoci, non è un bene industriale come il pane. Non è una merce. Il denaro possiede molte dimensioni.

La moneta è un debito della domanda di operatori economici sul sistema bancario e un debito di esso. Da questo punto di vista, è impossibile dissociare la moneta dal sistema monetario, da qui l’importanza delle banche in un’economia di produzione monetaria [monetizzata].

Questa definizione è completata dall’approccio istituzionale del denaro: il denaro è certamente una questione tecnica, ma è anche un fenomeno sociale che coinvolge le relazioni umane, non solamente una questione tecnica. La principale sfida del denaro è sempre quella dell’appartenenza ad una comunità di valori. Tuttavia questa appartenenza si manifesta in forme relativamente diverse in rapporto alle epoche ed al tipo di società. Il denaro è un’istituzione che esprime e rafforza i valori globali della società in cui esiste.

La moneta ha anche una dimensione convenzionale. È generato da una convenzione di mercato: accetto la moneta perché gli altri la accettano. La qualità di una moneta sarà misurata dalla sua capacità di mantenere il suo valore da un periodo all’altro e dalla sua capacità di ispirare fiducia nei suoi utilizzatori. Questo minimo di coesione e di fiducia sociale, che è alla base del denaro, emana sia da un atto di fede (accettazione generale di denaro da parte della comunità), sia da un editto delle autorità che ne stabilisce il costo forzoso dal punto di vista legale in un determinato territorio.

Nel primo caso, il denaro può venire da un costume immemore o da una convenzione emergente o negoziata liberamente, o essere il risultato di una competizione tra valute private in cui una valuta si è infine imposta nell’ambito di una vasta rete di scambio.

Nel secondo caso, il denaro è la produzione di un monopolio di stato che impone il mezzo di scambio e cerca di controllarlo. Il potere pubblico approfitta di questa situazione a vari livelli: la moneta serve sia come fonte di unità simbolica del paese, come fonte di reddito per lo stato e come mezzo di indipendenza politica, avendo ogni paese la propria valuta.

Georges Simmel, da parte sua, sostiene che se la moneta non deve nulla allo Stato nella sua genesi, tuttavia lo Stato non ne può garantire da solo un funzionamento efficace. È in questo contesto che si situa l’approccio statale di Knapp (1973) [3] che fa riferimento a J.M. Keynes nel suo “A treatise on money” (1930). Questo approccio può essere riassunto come segue: “Il denaro è una creatura della legge”, cioè del diritto. Secondo Knapp, infatti, lo stato seleziona e impone una forma di moneta scegliendo una certa unità e dandole validità su un territorio che corrisponde al suo spazio nazionale. Pertanto l’accettazione incondizionata del denaro da parte degli individui viene garantita dallo stato.

E’ l’autorità politica che in un dato spazio nazionale fa battere moneta e le dà un corso legale, un principio ripreso, dopo molte vicissitudini, dal diritto romano.

Sebbene si tratti di una questione che riguarda le classi sociali ed uno strumento dominazione di alcuni su altri, il denaro è anche un bene pubblico. Può esistere solo attraverso la legittimazione politica che gli conferisce la capacità di essere un avere d’acquisto immediato o futuro, garantendo il suo ruolo di riserva nel tempo.

La moneta ha anche una dimensione politica: le nazioni sono state costruite intorno al denaro e attorno a un re che aveva il potere di battere moneta. Nel 19 ° secolo, la progressiva unificazione della Germania fu fatta dallo Zollverein [unione doganale], ma anche da una moneta comune: il Thaler (1857). Attualmente, il potere monetario è percepito come un elemento della sovranità nazionale: la sua capacità regolatrice deriva dalla sua adeguatezza a rappresentare i valori che sono alla base della comunità economica.

Per Charles Loyseau nel suo “Traité des seigneuries” (1669): “… la sovranità è inseparabile dallo Stato, dato che se fosse rimossa non si tratterebbe più di uno stato. Poiché, infine, la sovranità è la forma che dà essenza allo Stato, ovvero Stato e sovranità sono in concreto dei sinonimi e lo Stato è chiamato così in quanto è il pieno compimento ed il periodo di potere in cui è necessario che lo Stato si stabilisca “. La sovranità si afferma ad externa. Nel concreto si esercita su un territorio delimitato, essendo la prima funzione del re quella di tracciare la linea che individua il dominio della corona nello spazio e che segna la sua esistenza libera da qualsiasi altro potenza esterna contro la quale potrebbe essere richiesto l’uso della forza militare.”

 

LA STORIA DELL’AREA DEL FRANCO CFA

Non è possibile schiavizzare gli uomini senza logicamente renderli inferiori da una parte all’altra. L’Area del franco resta un anello che incatena all’imperialismo francese.

  1. Evoluzione storica dell’Area del franco e dei suoi principi

II.1. Evoluzione storica dell’Area del franco

Philippe Hugon (1999) nel suo libro dal titolo “La zone franc à l’heure de l’euro”, si interroga sullo status dell’Area del franco: un’area monetaria o un residuo neocoloniale?
In ogni caso l’Area del franco in senso lato riunisce 26 entità territoriali; comprende, oltre a 15 paesi africani, la Francia, i dipartimenti francesi d’oltremare, il Principato di Monaco e Mayotte; dal 1 ° gennaio 1999, è stata collegata all’Unione monetaria europea poiché i franchi dell’area sono ora legati all’euro.

Storicamente, anche se è difficile definire una data esatta di nascita dell’Area del franco prima della sua ufficializzazione, è possibile trovare un punto di partenza. La progressiva dislocazione dello spazio monetario e commerciale internazionale negli anni 1930, l’aumento del potere, la diffusione generale del protezionismo e la catena di svalutazioni competitive provocarono una reazione di ripiego dalle potenze coloniali verso i loro imperi. Dopo il fallimento della Conferenza di Londra del 1933 apparvero le aree valutarie. Così nacque l’Area della sterlina. Un gran numero di paesi del Centro e del Sud America legheranno la loro valuta al dollaro per formare l’Area del dollaro. La formazione di una zona economica imperiale, protetta dalla concorrenza esterna e basata sulla complementarietà delle produzioni coloniali e metropolitane ha significato la creazione di un’area monetaria comune. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale è nata l’introduzione dei regolamenti sui cambi, valida per tutti i residenti dell’impero e la centralizzazione delle riserve valutarie a vantaggio della “metropoli”. L’Area del franco nasce dal desiderio iniziale di isolare l’impero coloniale dal mercato internazionale e di creare uno spazio preferenziale dopo la crisi del 1929. Fu istituzionalizzata il 9 settembre 1939 quando, nell’ambito delle misure relative al dichiarazione di guerra, un decreto introdusse una legislazione comune in materia di cambi per tutti i territori appartenenti all’impero coloniale francese. In realtà l’inizio della Seconda Guerra Mondiale sarà accompagnato da un dirigismo monetario con la messa in atto di controlli sui cambi.

L’Area del franco, come zona monetaria caratterizzata dalla libertà di scambi, viene formalmente creata.

Ufficialmente, il franco CFA è nato il 26 dicembre 1945, il giorno in cui la Francia ratifica gli accordi di Bretton Woods e fa la sua prima dichiarazione di parità al Fondo Monetario Internazionale (FMI). Il significato allora era quindi “franco delle colonie francesi d’Africa”.

Ma questa definizione di parità del franco fu realizzata con una differenziazione in base ai settori geografici. Abbiamo quindi tre unità separate con il franco delle colonie francesi del Pacifico (FCFP), un franco delle colonie francesi d’Africa (FCFA) e un franco della metropoli valido anche per il Nord Africa e le Indie occidentali (FF). Il FCFP valeva 2,40 FF e FCFA 1,70 FF. Fu anche l’occasione per affermare l’unità, in quanto il comunicato del Ministro delle Finanze parlava di “Costituzione dell’Area del franco” e sarà la prima volta che il termine verrà usato ufficialmente.

Alcuni paesi hanno scelto, al momento dell’indipendenza o successivamente, di lasciare la zona del franco coloniale: Algeria (1963), Marocco (1959), Tunisia (1958), Mauritania (1973), Madagascar (1973), Guinea (1958), l’ex-Indocina (Cambogia, Laos, Vietnam) nel 1954. Il Mali lasciò nel 1962 per reintegrarlo nel 1984.
II.2. I principi fondanti dell’Area del franco

I principi della cooperazione monetaria sono stati ricordati nell’accordo di cooperazione tra i paesi membri dell’Unione monetaria dell’Africa occidentale e la Repubblica Francese del 4 dicembre 1973. I principi fondamentali sono quattro:

1) Cambio fisso con valuta di ancoraggio: la parità delle valute dell’area con l’euro è fissa e definita per ciascuna sotto-area. Le valute dell’area sono convertibili l’una con l’altra, a cambio fisso, senza limiti di importi.

2) La garanzia di convertibilità illimitata da parte del Tesoro francese: la convertibilità delle monete emesse dalle varie istituzioni emittenti della Zona Franco è illimitatamente garantita dal Tesoro francese.

3) Trasferibilità gratuita: i trasferimenti sono, in linea di principio, gratuiti all’interno dell’area. All’interno di ogni sotto-area e tra ogni sotto-area e la Francia i trasferimenti in conto capitale sono in linea di massima liberi.

4) La centralizzazione delle riserve valutarie: appare a due livelli poiché gli stati centralizzano le loro riserve valutarie in ciascuna delle due banche centrali, mentre in cambio della convertibilità illimitata garantita dalla Francia le banche centrali africane sono tenute a depositare presso il Tesoro francese sul conto delle operazioni aperte per conto di ciascuno di loro, una frazione delle loro riserve valutarie (50% per le attività nette estere del BCEAO e del 60% fino al 30 giugno 2008, 55% fino al 30 giugno 2009 e poi al 50% per il BEAC). Dal 1975, questi averi beneficiano di una garanzia sui cambi nei confronti del DTS [Diritti Speciali di Prelievo].

 

III. Breve storia della Banca Centrale degli Stati dell’Africa Occidentale (BCEAO)

Lo sfruttamento coloniale accelerò durante il XX secolo, fecero la loro apparizione le colture agricole destinate all’esportazione e le grandi ditte commerciali, la CFAO (Compagnia francese dell’Africa Occidentale), la SCOA (Società commerciale dell’Ovest africano) che si assicurarono il monopolio della parte francese, come nella parte inglese lo fece la società anglo-olandese Unilever. La gestione monetaria delle colonie era garantita da banche private che beneficiano nelle loro rispettive aree di privilegi di emissione. Tutto iniziò il 27 aprile 1848, data dell’abolizione della schiavitù nelle colonie francesi. Molti proprietari di schiavi furono rovinati, sia nei Caraibi che nei possedimenti francesi dell’Africa. Il 30 aprile 1849 fu approvata una legge che prevedeva il risarcimento ai coloni dopo l’abolizione della schiavitù. Il 21 dicembre 1853, il decreto istitutivo della Banca del Senegal venne firmato da Luigi Napoleone Bonaparte. Il suo capitale, fissato a 230’000 franchi, fu costituito con la tassa di 1/8 delle indennità concesse ai coloni a seguito dell’abolizione della schiavitù e con gli arretrati derivanti dall’iscrizione di rendita rappresentativa di questo prelievo. La Banca del Senegal, fondata nel 1853, aveva sede a Saint-Louis. Era specializzata nel credito a breve termine. Tuttavia, non fu mai utilizzata per una vera politica di sviluppo della colonia.

Il 29 giugno 1899 fu emesso un decreto che istituiva la Banca dell’Africa Occidentale (BAO). La sede della BAO fu stabilita a Parigi (rue de Provence, 78) ed Henri Nouvion fu nominato come primo direttore. Nello stesso anno iniziarono le attività della BAO a Dakar, mentre venne creata una agenzia a Conakry (Guinea).

In origine, il ruolo della Banca del Senegal che poi diventerà l’Istituto di emissione dell’Africa occidentale francese e del Togo (dal 1955 al 1959) e, infine, la Banca Centrale degli Stati dell’Africa Occidentale (dal 1959), etra di organizzare l’impoverimento del corpo sociale africano, per impedire la nascita di una borghesia nazionale del commercio, rifiutando il credito alle popolazioni locali dell’Africa nera. Questa politica criminale continua ancora oggi, contro lo sviluppo dell’Africa. In effetti, fino ad oggi, le banche francesi in Africa non concedono alcun credito di sviluppo ai privati. Non concedono alcuna linea di credito al consumo alle famiglie più povere. Il loro ruolo coloniale è quello di incassare la massima liquidità possibile per “la Metropoli” [la Francia] senza investire a livello locale, né nelle società africane né nello sviluppo.

A seguito della sua istituzione la BCEAO fu sempre stata governata da un direttore generale francese fino al 1973, con il governatore francese Robert Julienne. La sede della banca era a Parigi. Prima di concedere la direzione e la sede della banca agli africani la Francia richiese la firma, il 4 dicembre 1973, di un nuovo accordo di cooperazione e di una nuova convenzione per le operazioni di conto fra la Repubblica francese e la UMOA (Unione Monetaria dell’Africa Occidentale). Finalmente il 15 dicembre 1974 Abdoulaye Fadiga fu nominato Governatore della BCEAO. Quest’ultimo si adopererà per il trasferimento della sede del BCEAO da Parigi a Dakar nel giugno 1978 e lo inaugurerà il 26 maggio 1979.

Prima di chiudere questo capitolo sulla BCEAO diciamo una parola sulla funzione di una banca centrale. La BCEAO, ribattezzata da noi “Banca Centrale Europea nell’Africa Occidentale”, sta semplicemente applicando le linee guida della BCE.

In occasione dell’entrata in vigore della riforma istituzionale dell’UMOA e della BCEAO (1 aprile 2010), Philippe-Henri Dacoury Tabley, governatore della BCEAO, espresse in una intervista l’obiettivo della riforma in questi termini: “l’attuazione della riforma dovrebbe, assegnando alla BCEAO un obiettivo prioritario di stabilità dei prezzi, consentire di garantire il potere d’acquisto della nostra moneta e fornire una risposta adeguata alla necessità di finanziare il risparmio “. Il risultato fu sorprendente, senza dubbio umiliante. Per tornare al nostro argomento, la BCEAO persegue come obiettivo prioritario la stabilità dei prezzi all’interno dell’Unione Monetaria Occidentale Africana a scapito del nostro sviluppo economico. Questa banca è contro gli africani. La lotta contro l’inflazione non dovrebbe essere l’obiettivo principale del BCEAO, né avere un obiettivo di inflazione del 2% come la BCE perché le popolazioni dell’Africa occidentale non vivono le stesse condizioni economiche degli europei.

La concessione di una sovranità formale e il rifiuto assoluto di una vera indipendenza, questa è la reazione tipica delle nazioni colonialiste nei confronti delle loro ex colonie. Il franco CFA è una valuta coloniale che deve scomparire.

  1. Perché uscire dall’Area del franco

La domanda a cui rispondiamo qui è perché i paesi africani dell’area del franco dovrebbero uscire da quest’area o almeno “decolonizzare” il franco CFA o sostituirlo con una moneta puramente africana? La nostra tesi è giustificata per almeno tre motivi.
In primo luogo, il franco CFA ei suoi meccanismi sono leve di saccheggio delle economie africane.
In secondo luogo, il franco CFA è uno strumento di dominio della Francia in Africa.
In terzo luogo, il franco CFA riduce la sovranità dei paesi membri.

IV.1. Il franco CFA ed i suoi meccanismi sono leve del saccheggio delle economie africane

* I principi fondanti dell’area del franco comportano dei problemi. Chiariamo rapidamente questo punto

– Il rapporto di cambio fisso secondo gli insegnamenti delle teorie classiche, si giustifica ancor di più se l’economia è piccola, poco aperta, debolmente diversificata, polarizzata sul paese della valuta di riferimento (la Francia) e se non esiste all’interno dell’area una forte mobilità del lavoro ed una scarsa mobilità dei capitali. La stabilità dei tassi di cambio può essere giustificata anche per ragioni microeconomiche (riduzione delle incertezze sui tassi di cambio reali) e ragioni macroeconomiche (stabilità dei prezzi, sana gestione delle finanze pubbliche). E tanto più che le piccole economie africane sono fortemente aperte e sono fortemente integrate a livello di importazioni e capitali verso l’Europa. Tuttavia, questi argomenti a favore dei tassi di cambio fissi sono ostacolati dall’esistenza di shock reali e nominali, interni ed esterni. Le economie altamente esposte agli shock, come i paesi dell’area del franco, hanno interesse a stabilizzare l’economia attraverso la flessibilità del tasso di cambio. Nel caso di shock esterni il tasso di cambio flessibile neutralizza gli effetti degli shock. Nel caso di shock interni reali (come la siccità), aiuta a stabilizzare la produzione nazionale reale. Il tasso di cambio fluttuante consente teoricamente l’autonomia della politica monetaria e svolge un ruolo di stabilizzazione automatico. Il tasso di cambio fisso ha la conseguenza di non adattarsi alle realtà economiche.

– La libertà dei trasferimento monetari favorisce la fuga di capitali. Secondo l’UNCTAD (Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo) la trentennale fuga di capitali dei paesi africani dall’indipendenza supera i 400 miliardi di dollari. Secondo Philippe Hugon l’emorragia di capitali dall’area WAEMU (Unione economica e monetaria dell’Africa Occidentale) è stimata a 3 miliardi di franchi nel 1991, 4.6 miliardi nel 1992 e 5 miliardi di franchi nei primi 6 mesi dell’anno 1993. Gli investimenti speculativi effettuati in franchi CFA in Francia tra il gennaio 1990 e il giugno 1993 ammontavano a 928,75 miliardi di franchi CFA, pari a circa 1’416 miliardi di euro. L’ammontare di trasferimenti senza controparte da parte di famiglie non africane fuori dall’area del franco verso la Francia e il resto del mondo è passata da 89 milioni di dollari nel 1970 a 434 milioni di dollari nel 1993. L’ammontare cumulativo di questi trasferimenti è stimato a 3’783,6 milioni di dollari (o 2’200 miliardi di franchi CFA).

Nel 2004, l’Africa nera (escluso il Sudafrica) ha ricevuto lo 0,4% degli investimenti esteri diretti, metà dei quali è andato in Angola e in Nigeria.

– Per quanto riguarda la convertibilità illimitata, essa è virtuale. La convertibilità ci dice semplicemente che ogni straniero che detiene questa valuta deve avere la possibilità in qualsiasi momento di scambiarlo liberamente con altre valute o con l’oro. La convertibilità assume molte forme e spesso si distinguono i gradi di convertibilità in rapporto al tipo di operazione, di paese e di operatore. Per le piccole economie quali sono quelle dei paesi africani dell’area del franco, non è cosa buona avere una valuta convertibile. Nella storia agitata del franco francese lo scambio di franchi con valute estere non era libero, ma regolamentato. La convertibilità esterna del franco, ristabilita nel 1958 per i non residenti, non era totale per i residenti. Ad esempio, non potevano prelevare capitali fuori dai confini senza una autorizzazione amministrativa. La Tunisia, per esempio, ha una politica basata sul mantenimento dei controlli sui capitali, cioè su una parziale “convertibilità” della valuta interna, ovvero alcune operazioni sui movimenti di capitale verso l’esterno rimangono soggette a restrizioni. Ciò consente alla Banca centrale di mantenere un certo margine di manovra sulla sua politica interna. Per quanto riguarda il gigante cinese, la grande fragilità del suo sistema bancario statale (crediti inesigibili) non gli consente oggi di liberalizzare il suo mercato dei cambi e di rendere la sua moneta liberamente convertibile con il rischio di presentare rischi significativi per la crescita economica cinese. Il naira nigeriano non è una valuta convertibile, eppure la Nigeria è un gigante economico; anche la rupia non è convertibile, eppure l’India è un potere economico.

La convertibilità del franco CFA è in realtà piuttosto virtuale in quanto i franchi CFA emessi dalla BCEAO (Banca centrale degli stati dell’Africa Occidentale) e quelli emessi dalla BEAC (Banca centrale degli stati dell’Africa Centrale) non sono convertibili tra loro, il che non incoraggia lo sviluppo di scambi tra le due zone. Al contrario, i meccanismi dell’area del franco facilitano i rapporti finanziari e commerciali tra la metropoli (Francia) ed i territori africani, eliminando il rischio di cambio tra le due valute (euro e franco CFA).

* Il franco CFA non ha portato sviluppo, ma povertà

Dei 49 paesi meno sviluppati del mondo 35 sono nell’Africa subsahariana. L’area del franco rappresenta il 12% della popolazione africana, il 12% del PIL e l’1,5% delle esportazioni.

Con una popolazione superiore del 25% a quella della Francia, i PAZF rappresentano il 4,5% del PIL francese o l’1,5% dell’offerta di moneta.

L’area del franco non ha portato sviluppo ai paesi membri, ma lo sviluppo del sottosviluppo.

Per alleviare questa povertà è arrivato l’aiuto francese, come un salvagente. In effetti, i paesi dell’area del franco sono i principali beneficiari dell’assistenza allo sviluppo ufficiale della Francia. Nel 1997 hanno ricevuto circa metà degli aiuti bilaterali francesi per lo sviluppo nei paesi dell’Africa subsahariana, che rappresentano il 23% dei contributi bilaterali francesi ai paesi in via di sviluppo (6,5 miliardi da 27,8 miliardi di dirham di aiuti nel 1997). Nell’ambito dell’elaborazione del debito nel Club di Parigi, 10 paesi nell’area del franco hanno beneficiato di cancellazioni per un importo totale rinviato di 23 miliardi. La Francia ha contribuito quasi al 50% dello sforzo fatto dai creditori. Oltre agli accordi conclusi nell’ambito del Club di Parigi, la Francia ha adottato misure bilaterali eccezionali di riduzione del debito, annullando i crediti di assistenza allo sviluppo (Dakar I) nel 1989, e procedendo poi con una nuova cancellazione nel 1994 (Dakar II), cioè una remissione del debito di 55 miliardi di franchi per i paesi dell’area del franco. Tra il 1993 e il 1996, lo sforzo di riduzione del debito ha rappresentato in media un contributo annuo di 3,2 miliardi di franchi francesi, ovvero oltre un terzo degli aiuti bilaterali francesi all’area del franco.

In ogni caso, i paesi dell’area del franco non stanno meglio in termini di parametri macroeconomici rispetto ai paesi africani al di fuori dell’area del franco. Una sintesi di numerosi lavori di confronto fra i vari paesi è stata fatta da Hadjimichael e altri (1995).

Confrontando i tassi di crescita del PIL dei paesi africani dell’area del franco e dei paesi al di fuori dell’area, sembra che gli anni ’60 e ’70 siano stati contrassegnati da risultati migliori per i paesi dell’area del franco (5% contro 4, 4%), mentre negli anni ’80 si è verificata un’inversione, più precisamente tra il 1985 e il 1991 (1% contro il 3,7%). I risultati complessivi nei 3 decenni sono invece simili. Si nota una maggiore instabilità nei tassi di crescita all’interno dell’area. La deviazione standard del tasso di crescita è stata del 7% tra il 1971 e il 1987 rispetto al 4,5% per i paesi limitrofi. Dal 1980 al 1994, le deviazioni del PIL reale dalla sua tendenza a lungo termine sono state più elevate.

Nel 2010, la situazione non è stata per nulla buona per i paesi dell’area del franco. La Costa d’Avorio rimane, nonostante la crisi politico-militare che sta vivendo dal 2002, il primo paese africano nell’area del franco in termini di PIL reale. Tuttavia, il franco CFA non ha permesso a questo paese di fare meglio dei paesi al di fuori dell’area del franco (Tabella 1).

Paesi come Algeria, Angola, Etiopia, Kenya, Marocco, Nigeria, Sudan, Tanzania, Tunisia, solo per citarne alcuni, hanno un PIL reale più alto di quello di Costa d’Avorio (la prima in termini di PIL reale nel 2010 dell’area del franco), come mostrato nella tabella 3 di seguito. Alcuni di questi paesi stanno facendo meglio in termini di aspettativa di vita. Nell’area del franco Togo (63), Benin (62) e Gabon (61) occupano il gruppo di testa in termini di aspettativa di vita. I paesi che hanno raggiunto la sovranità monetaria prima di altri hanno aspettative di vita più elevate rispetto ai tre paesi sopra menzionati. Tra questi figurano Tunisia (74), Algeria (73), Marocco (72), Mauritius (72) e Capo Verde (72).

Tabella 1: Classifica dei paesi africani nell’area del franco in termini di PIL reale nel 2010.

Pos.PaesePIL reale
(miliardi di dollari)
1rCosta d’Avorio22,4
2Camerun21,9
3Guinea-Equatoriale14,5
4Senegal12,7
5Gabon12,6
6Congo11,9
7Mali9,1
8Burkina-Faso8,7
9Ciad7,6
10Benin6,5
11Niger5,6
12Togo3,1
13Rep. Centrafricana2,1
14Guinéa-Bissau0,8

Fonte : Le Monde : bilan du monde, la situation économique internationale, 2011, p. 91.

Tabella 2 : Classifica dei paesi africani dell’area del franco in rapporto al prodotto interno lordo reale per abitante nel 2010.

Pos. PaesePIL reale per abitante

(dollari)

1Guinea Equatoriale11’081
2Gabon8’395
3Congo3’075
4Camerun1’071
5Costa d’Avorio1’016
6Senegal964
7Ciad743
8Benin673
9Mali649
10Burkina-Faso590
11Guinea Bissau498
12Rep. Centrafricana469
13Togo441
14Niger383

Fonte : Le Monde : bilan du monde, la situation économique internationale, 2011, p. 91.

Tableau 3 : Il PIL reale e il PIL reale per abitante di alcuni paesi fuori dall’area del franco.

PaesePIL reale (miliardi di collari)PIL reale per abitante (dollari)
Algeria1594’478
Angola85,84’812
Botswana12,56’796
Etiopia30,9365
Ghana15,3646
Kenya32,4888
Marocco91,72’868
Mauritius9,47303
Mozambico10,2473
Namibia11,55’454
Nigeria206,71’324
Uganda17,1504
Sudan65,91’643
Tanzania22,4543
Tunisia43,94’160
Zambia15,71’286

Fonte : Le Monde : bilan du monde, la situation économique internationale, 2011, p. 91.

IV.2. Il franco CFA è uno strumento di dominio della Francia in Africa

Su questo punto iniziamo col dire che monete e banconote sono emesse in Francia; le monete sono coniate nello stabilimento Pessac in Gironda e le banconote nel Puy de Dôme, (cartiera di Vic-le-Comte, centro di stampa e ricerca di Chamalières). Per coloro che pensano che l’interesse economico per la Francia non sia significativo, non devono perdere di vista il fatto che in realtà il principale interesse della Francia nell’area del franco non è solo di natura materiale, economica o contabile, ma risiede anche nella riproposizione continua di un insieme di relazioni che, cancellando la “perdita” avvenuta nel 1960, preserva il suo status di potenza internazionale. Il sistema dell’area del franco, conservatore nella sua essenza, mantiene in Africa l’ossatura degli stati e la loro sopravvivenza in un sistema economico e sociale stabilito.

Inoltre l’area del franco sviluppa l’estroversione delle nostre economie: con il franco CFA, i paesi dell’area monetaria diventano riserve di materie prime e destinatari di prodotti manifatturieri.

L’impero coloniale francese, che assorbiva il 10% delle esportazioni francesi alla fine del XIX secolo e il 17% alla vigilia della crisi del 1929, divenne durante gli anni 1930 e fino alla costituzione della Comunità Economica Europea un importante sbocco per le aziende francesi. Nel 1952 arrivarono a vendere in quest’area il 42% delle loro esportazioni.

Secondo la Commissione europea (2002), nel 1999 il 40% delle esportazioni dall’Unione monetaria dell’Africa Occidentale era destinata all’Europa. Le importazioni dall’UE verso i paesi dell’Unione monetaria dell’Africa Occidentale nello stesso anno si attestavano al 43%.

Le esportazioni dell’Unione monetaria dell’Africa Occidentale verso l’Unione Europea rappresentano il 12% mentre le importazioni rappresentano il 10%. I vantaggi presentati agli africani sono alquanto artificiali: oltre all’attrazione degli investimenti esteri diretti (IED), il franco CFA dovrebbe proteggere le economie dell’area dai rischi del tasso di cambio con l’area dell’euro e facilitare così l’accesso al mercato unico europeo. Le valute coloniali incoraggiavano l’integrazione economica con la “potenza tutelante” e, in misura minore, con il resto del mondo.

Il dominio francese è anche visibile con la presenza dei francesi nel Consiglio di amministrazione della Banca Centrale degli stati dell’Africa Occidentale: 16 membri, di cui 2 francesi. Nell’ambito delle direttive impartite dal Consiglio dei ministri, il Consiglio di amministrazione:

* specifica le operazioni della Banca Centrale e fissa le tariffe e le condizioni di esecuzione

* stabilisce le regole vincolanti per i comitati nazionali del credito nell’esercizio delle loro competenze

* determina l’importo totale del concorso che la Banca centrale può concedere al finanziamento di attività economiche in ciascuno degli Stati

* autorizza le operazioni che toccano il patrimonio della Banca centrale e determina i bilanci della Banca centrale

* determina le modifiche allo statuto della Banca che devono poi essere sottoposte alla ratifica dal Consiglio dei ministri dell’Unione.

Ai sensi dell’articolo 52 dello Statuto della Banca Centrale degli stati dell’Africa Occidentale le politiche monetarie sono affidate al Consiglio di amministrazione. La presenza dei membri francesi può impedire l’adozione di politiche favorevoli al nostro sviluppo. Con la presenza dei francesi in questo consiglio è evidente che in ultima istanza è la Francia a decidere chi possa entrare o uscire dall’area del franco CFA.

Infine l’area del franco e i suoi meccanismi generano un sistema bancario oligopolistico dominato dalle banche francesi. Le banche sono degli anelli importanti del sistema finanziario. Svolgono un duplice ruolo. Da un lato sono entità private che perseguono un profitto; dall’altro lato esse costituiscono delle reti che forniscono all’economia globale un bene collettivo: i sistemi di pagamento e di regolamento. Tuttavia i sistemi finanziari africani in generale e quelli di dell’Unione monetaria dell’Africa Occidentale in particolare sono poco profondi, limitati, poco diversificati e non assumono il loro ruolo nel finanziamento dello sviluppo (Popiel, 1995). La creazione di un sistema finanziario embrionale nei paesi della zona del franco durante il periodo coloniale era intesa unicamente a soddisfare il fabbisogno finanziario delle società import-export e lo sfruttamento dei prodotti agricoli primari (Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Mali), miniere (Niger, Repubblica Centrafricana, Senegal, Togo) e oggi anche petrolio (paesi della Comunità Economica e Monetaria dell’Africa Centrale).

Le banche non hanno praticamente alcun interesse nello sviluppo di una rete di agenzie all’interno di questi paesi o nello stabilire contatti con le popolazioni locali. La percentuale di individui che detengono un conto in banca nei paesi dell’Unione Economica e Monetaria dell’Africa Occidentale molto basso, in media del 4%. Questo tasso era del 99% nel 2001 in Francia.

Le banche commerciali proponevano principalmente prestiti a breve termine per adattarsi alla natura ciclica della produzione e della commercializzazione di prodotti tropicali ed alle tempistiche di trasporto di manufatti dalla Francia all’Africa. Il credito bancario non facilita la creazione di capitali perché finanzia attività commerciali e di import-export. Il finanziamento bancario medio in Costa d’Avorio è di circa il 16% degli investimenti mentre è circa del 70% in Tunisia.

Questo dipende dal sistema commerciale messo in atto dall’economia di import-export e non dal sistema di produzione. La strategia bancaria successiva all’indipendenza formale delle ex colonie è in realtà rimasta la stessa del periodo coloniale. Il mantenimento, dopo l’indipendenza, dei modelli di organizzazione spaziale e settoriale dell’attività economica (specializzata su commercio ed esportazione di materie prime) combinato con il fallimento delle politiche di diversificazione industriale spiegano ancora il perpetuarsi delle strutture economiche ereditate dal periodo coloniale e le loro relative caratteristiche finanziarie.

Inoltre i centri decisionali di queste grandi società bancarie si trovano all’estero. Molti fattori riducono il loro contributo ai paesi in cui sono stabilite: pagano delle tasse, ma senza partecipare all’economia nazionale. Complessivamente a livello bancario il sistema bancario postcoloniale non ha molto a che fare con la logica coloniale, che consisteva nel finanziare lo scambio e la produzione di materie prime da esportare. Infine con il franco CFA la Francia ci domina economicamente, commercialmente e politicamente.

IV.3. Il franco CFA intacca la nostra sovranità

Abbiamo detto che il denaro è un potere e quindi un attributo della sovranità di un paese. Prima di dire qualche parola su questo punto, ritorniamo al concetto di moneta-rizoma che pretende di regolamentare una società a cui è estranea.

L’organizzazione monetaria gerarchica della zona del franco era il riflesso di un sistema politico di dominazione coloniale che si opponeva alle vecchie strutture. Una delle principali caratteristiche del colonialismo era di sostituire le valute primitive con le monete europee imponendole per il pagamento delle tasse. Effettivamente questi legami socio-politici si hanno storicamente avuto la tendenza a distendersi mentre la sovrastruttura monetaria è rimasta. La moneta “franco CFA” è storicamente imposta con la violenza. Si diffuse all’interno della società in modo particolare attraverso il commercio degli schiavi, il commercio import-export e le tasse coloniali (Assidon, 1989). La valuta franco CFA (franco delle colonie francesi d’Africa) risultante da questa storia, appare spesso come esterna alla società che vuole regolamentare. Se il valore di una moneta è legato ai fondamenti di una economia, allora deve avere un legame sociologico con il paese. Questo non è il caso per i paesi dell’area del franco. Inoltre l’area del franco possiede due dimensioni. Una dimensione verticale dovuta ai legami monetari e socio-politici tra la Francia e i paesi africani e una dimensione orizzontale che tiene conto delle relazioni di integrazione che i paesi africani dell’area hanno fra loro. Questa ortogonalità dell’area la rende distante dall’essere un’area monetaria ottimale. In questo senso il franco CFA diventa una moneta-rizoma.

Riassumiamo le caratteristiche principali di un “rizoma”: a differenza degli alberi o delle loro radici, il rizoma collega un qualsiasi punto con qualsiasi altro punto e ciascuna delle sue caratteristiche non rimanda necessariamente a tratti della stessa natura, mette in gioco delle indicazioni molto diverse e persino situazioni di non-indicazioni. Il rizoma è una “anti-genealogia”.

Questa moneta-rizoma, il franco CFA, ha radici in Occidente e in Africa: è una moneta che disorienta gli africani.

 

IV.4. Il franco è storicamente estraneo agli africani.

La nascita del franco francese risale al 5 dicembre 1360 a Compiègne. Giovanni II il Buono, duca di Normandia, viene fatto prigioniero nella Battaglia di Poitiers. Subì una lunga prigionia in Inghilterra ed il suo carceriere, il re inglese Edoardo III, chiese un riscatto di circa 3 milioni di “lire di Tours” (12,5 tonnellate di oro). Giovanni II il Buono fu obbligato a “vendere” sua figlia a Galeazzo Visconti, ricco signore di Milano in cambio di 600’000 “lire”. Con questa somma venne rilasciato in cambio di 400’000 sterline e si impegnò a pagare il resto. Sulla via del ritorno a Compiègne impartì i primi ordini tra i quali la creazione del “franco” per commemorare la sua liberazione perché nell’antica lingua francese essere “franco” significava essere stati liberati da qualche cosa.

L’ultimo punto da chiarire è il legame tra la moneta e la sovranità. La sovranità è il diritto esclusivo di esercitare l’autorità politica su un’area geografica o un gruppo di persone.

La sovranità è la qualità dello stato di non essere obbligato o determinato che dalla propria volontà entro i limiti del principio superiore del diritto e in conformità con l’interesse collettivo che è chiamato a perseguire. In quasi tutti gli Stati la sovranità è esercitata almeno nelle seguenti aree:

  • La sicurezza esterna: diplomazia e difesa nazionale
  • La sicurezza interna: la polizia, la legge
  • La giustizia
  • La finanza: denaro, riscossione delle imposte e controllo dei mercati finanziari.

Il denaro è considerato un attributo del potere pubblico e uno strumento di propaganda al servizio di quest’ultimo. Il principio di sovranità messo in evidenza da Jean Bodin permise di liberare una sovranità dello stato in cui la sovranità monetaria sembrava essere parte integrante. L’era romana mostra chiaramente che la moneta era uno dei simboli che esprimevano la personalità e la potenza e che permetteva di stabilire ciò che era romano e ciò che non lo era. Nel 70 d.C., dopo la distruzione del tempio, la Giudea era diventata una colonia romana e la sua moneta fu integrata nel sistema provinciale dell’impero. Chiaramente, le monete coniate in Israele rappresentavano i simboli romani.

Originariamente il “sovrano” è una valuta inglese (non un re). Il “sovrano” è una moneta d’oro inglese che fu coniata per la prima volta nel 1489 da Enrico VII d’Inghilterra. Sebbene la moneta avesse un valore nominale di una sterlina o di 20 scellini, il “sovrano” era originariamente una valuta senza alcun segno di valore. La sovranità è il potere di battere (colpire) “il sovrano” (moneta del tempo). Ma solo il re aveva il potere di battere moneta, da qui il parallelismo tra sovrano e re.

Sappiamo anche che in un regime democratico il potere di battere moneta dovrebbe essere affidato a rappresentanti eletti del popolo. Perché il potere di coniare moneta significa la possibilità di definire una “politica monetaria”, che a sua volta finanzierà la politica economica. D’altra parte, non possiamo finanziare una politica economica (ad esempio per piena occupazione) se non controlliamo la valuta. Il potere di coniare moneta è sempre stato riconosciuto come attributo della sovranità nazionale. E le banche come intermediari finanziari sono sempre state destinate a finanziare la crescita economica delle nazioni. Questo è il motivo per cui l’esercizio del potere monetario, vale a dire la direzione della politica monetaria, è una preoccupazione costante dei governi.

Secondo Blanc Jérôme (2005) bisogna prima capire che il denaro in sé non è un marchio di sovranità: la caratteristica della sovranità è il potere di modificare il prezzo legale e il contenuto metallico delle monete. Ma se questa manipolazione rientra nel potere della legge, che è quella del sovrano, solo il diritto di coniare moneta è della stessa natura della legge.

Jean Cartelier (La monnaie): “La moneta rimanda al principe e più in generale a un’organizzazione politica della società […]. La moneta non è inseparabile da un ordine o da un potere. Ad ogni sistema monetario è limitato dall’accettazione del mezzo di pagamento. L’area di estensione del sistema di pagamento si fonde con quella della sovranità dell’ente che emette il corso legale. La valuta e la sovranità sono quindi strettamente collegate “.

In definitiva la moneta è parte dell’identità di un paese. Il franco CFA è una strana valuta imposta dall’estero, non è la nostra valuta.

 

CONCLUSIONE

I governanti dei paesi africani dell’area del franco trattano l’argomento del franco CFA non senza esitazioni. Malgrado la stanchezza che, episodicamente, si impone su queste sfere politiche, è necessaria una più decisa volontà politica per “decolonizzare” il franco CFA e l’area del franco. Tutte queste strutture della zona del franco che ci trattano come “bestie” o “bambini” infestano lo sviluppo dei paesi membri e dovrebbero pertanto essere abbandonate.

Il paradosso è che nel continente soffia il vento della rinascita africana e questo con una rapidità che colpisce anche i più scettici. Se le nazioni africane vogliono davvero una liberazione totale, è necessario prendere in considerazione l’avvertimento che ci manda Frantz Fanon (2006) in questi termini: “non è possibile prendere le distanze dal colonialismo senza nello stesso tempo prenderle nei confronti dell’idea che il colonizzato ha di sé stesso tramite il filtro della cultura colonialista “.

Sono i popoli colonizzati che devono liberarsi dal dominio coloniale. La vera liberazione non è una pseudo-indipendenza in cui i presidenti a responsabilità limitata restano legati ad un’economia dominata dal patto coloniale di cui il franco CFA è il pilastro centrale.

In queste pagine abbiamo voluto esporre con metodo le nostre argomentazioni per renderle comprensibili Il tema centrale delle nostre argomentazioni è evidente: il franco CFA opera come un virus che distrugge la struttura economica dei paesi africani dell’area del franco. Pertanto se questi paesi vogliono iniziare un vero sviluppo dipendente da sé stessi, allora devono adoperarsi senza indugi per la scomparsa del franco CFA che ritarda il loro sviluppo.

Dr. Prao Yao Seraphin

Ex vicepresidente incaricato degli affari economici e sociali della « Cellula di guardia e di risveglio » della costa d’Avorio.

Lascia un commento