Bolle e crolli: una prospettiva

Sui media tradizionali si fa un gran parlare di Bitcoin come una bolla, per dargli un’accezione negativa. Ma é interessante confrontare la salita attuale con un’altra famosa bolla: quella delle Dot Com.
Alla fine degli anni Novanta si ebbe infatti una simile euforia nei mercati, grazie anche alla crescente diffusione di Internet, con nuove prospettive per quella che veniva chiamata “la new economy”.
A inizio 2000 questa bolla scoppiò, facendo precipitare il valore delle azioni e causando fallimenti in moltissime aziende.
Tuttavia il mercato successivamente si riprese ed ha poi superato quei livelli, fino a raggiungere le ben superiori quotazioni attuali.
Forse siamo in una nuova bolla, di cui però, a differenza di quella del Bitcoin, pochi parlano.

Grafico Nasdaq

La situazione attuale delle criptovalute é in effetti simile a quella della diffusione di internet: molte aziende nascono con grandi prospettive ma non é ancora chiaro come i modelli di business potranno sostenerle e quali prevarranno sulla concorrenza. In molti casi le nuove aziende non hanno nemmeno un prodotto finito o un’idea chiara di come mandare il bilancio in positivo. Guardando però ad alcune aziende che sono sopravvissute alla crisi delle Dot Com si può vedere come quella crisi, nel loro grafico, risulta solo un sassolino sulla strada di una forte crescita.

Grafico Amazon

Grafico Microsoft

Bisogna quindi guardare alla crescita attuale in prospettiva, cercando di capire quali monete sopravviveranno ad un’eventuale crollo. Occorre poi valutare le differenze di questa crescita rispetto a quella delle Dot Com. Ad esempio, il Bitcoin rappresenta attualmente la metà della capitalizzazione di tutte le criptovalute e ad esso sono strettamente legate le altre, essendo questo un mercato valutario e non azionario. Inoltre la liquidità attualmente é minore, ci sono diversi mercati, scarsa regolamentazione e la possibilità di acquistare frazioni di valuta, cosa che non si poteva fare con le azioni al tempo delle Dot Com. Tutti fattori che potrebbero influenzare la durata e l’esito finale di questa crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *